CalcoloLesioni.it

Effettua subito la registrazione

Con la registrazione è possibile usufruire di numerose funzionalità aggiuntive

A soli 12 Euro avrai

La versione Mobile del programma, funzionalità avanzate di stampa e area di calcolo
Hai già effettuato la registrazione? Paga con PAYPAL

Member Login

Password dimenticata?

Inserisci l'email registrata

Registrati !

Home

CalcoloLesioni.it è un semplice ma potente programma per il calcolo del risarcimento del danno biologico.
Completamente gratuito offre a tutti la possibilità di calcolare facilmente il risarcimento per danni di 'Lieve Entità' (Micropermanenti), di 'Grave Entità' (Macropermanenti), 'Mortale' (Mortale)

Mediante semplice registrazione è possibile usufruire di numerose funzionalità aggiuntive, nonchè della versione mobile (Iphone o Android) del programma

Per qualsiasi domanda o per contattare l'autore utilizza i link a fondo pagina

  •   Registrati! Con la registrazione potrai utilizzare l'app IPhone o Android direttamente sul tuo smartphone 
  • Mobile Version a soli 12 Euro Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version
  •   La registrazione ti consente di inserire i dati del tuo studio direttamente nella pagina di stampa  
  •   Ti sei già registrato?Effettua il pagamento con PayPal!La registrazione costa solo 12 Euro e dura un anno
     
  •   Per entrare in contatto con l'autore invia una email o telefona al  
  •   Per le news gli approfondimenti le tabelle clicca qui  

Calcolo Danno Biologico Lesioni Micropermanenti (< 9 %)

Dati del Sinistro

Sinistro :

Del:

Danneggiato:



Invalidità Permanente Biologica

ETA'  

 

INVALIDITA'    

 

Invalidità Temporanea Biologica

€ / Giorno :    

 

ITT      
Giorni :  
Al :   %
ITP      
Giorni :  
Al :   %
ITP      
Giorni :  
Al :   %
ITT      
Giorni :  
Al :   %

Danno Morale

Morale su IP   %

 

Morale su IT  

 

Invalidità Permanente Specifica

Reddito  
Scarto  
Invalidità  

Invalidità Temporanea Specifica

Giorni  
€ / Giorno    

Spese

Interessi e Onorari Legali

Interessi %  
Onorari %    

 

CPA %    
IVA %    


Art. 139. Dlgs. 209/2005
(Danno biologico per lesioni di lieve entità)

1. Il risarcimento del danno biologico per lesioni di lieve entità, derivanti da sinistri conseguenti alla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, è effettuato secondo i criteri e le misure seguenti:
a) a titolo di danno biologico permanente, è liquidato per i postumi da lesioni pari o inferiori al nove per cento un importo crescente in misura più che proporzionale in relazione ad ogni punto percentuale di invalidità; tale importo è calcolato in base all'applicazione a ciascun punto percentuale di invalidità del relativo coefficiente secondo la correlazione esposta nel comma 6. L'importo così determinato si riduce con il crescere dell'età del soggetto in ragione dello zero virgola cinque per cento per ogni anno di età a partire dall'undicesimo anno di età.
Il valore del primo punto è pari ad euro seicentosettantaquattro virgola settantotto; (1)
b) a titolo di danno biologico temporaneo, è liquidato un importo di euro trentanove virgola trentasette (1) per ogni giorno di inabilità assoluta; in caso di inabilità temporanea inferiore al cento per cento, la liquidazione avviene in misura corrispondente alla percentuale di inabilità riconosciuta per ciascun giorno.

2. Agli effetti di cui al comma 1 per danno biologico si intende la lesione temporanea o permanente all’integrità psico-fisica della persona suscettibile di accertamento medico-legale che esplica un’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla sua capacità di produrre reddito.

3. L'ammontare del danno biologico liquidato ai sensi del comma 1 può essere aumentato dal giudice in misura non superiore ad un quinto, con equo e motivato apprezzamento delle condizioni soggettive del danneggiato.

4. Con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, con il Ministro della giustizia e con il Ministro delle attività produttive, si provvede alla predisposizione di una specifica tabella delle menomazioni alla integrità psicofisica comprese tra uno e nove punti di invalidità.

5. Gli importi indicati nel comma 1 sono aggiornati annualmente con decreto del Ministro delle attività produttive, in misura corrispondente alla variazione dell'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati accertata dall'ISTAT.

6. Ai fini del calcolo dell’importo di cui al comma 1, lettera a), per un punto percentuale di invalidità pari a 1 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,0, per un punto percentuale di invalidità pari a 2 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,1, per un punto percentuale di invalidità pari a 3 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,2, per un punto percentuale di invalidità pari a 4 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,3, per un punto percentuale di invalidità pari a 5 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,5, per un punto percentuale di invalidità pari a 6 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,7, per un punto percentuale di invalidità pari a 7 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,9, per un punto percentuale di invalidità pari a 8 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 2,1, per un punto percentuale di invalidità pari a 9 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 2,3.

(1) A norma dell’art. 1 del D.M. 17 giugno 2011 (G.U. n. 147 del 27 giugno 2011), a decorrere dal mese di aprile 2011, gli importi indicati rispettivamente alle lettere a) e b) di questo comma, sono aggiornati, da ultimo, nelle seguenti misure:

- settecentocinquantanove euro e quattro centesimi per quanto riguarda l'importo relativo al valore del primo punto di invalidita', di cui alla lettera a);
- quarantaquattro euro e ventotto centesimi per quanto riguarda l'importo relativo ad ogni giorno di inabilita' assoluta, di cui alla lettera b).

Art. 139. Dlgs. 209/2005
(Danno biologico per lesioni di lieve entità)

1. Il risarcimento del danno biologico per lesioni di lieve entità, derivanti da sinistri conseguenti alla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, è effettuato secondo i criteri e le misure seguenti:
a) a titolo di danno biologico permanente, è liquidato per i postumi da lesioni pari o inferiori al nove per cento un importo crescente in misura più che proporzionale in relazione ad ogni punto percentuale di invalidità; tale importo è calcolato in base all'applicazione a ciascun punto percentuale di invalidità del relativo coefficiente secondo la correlazione esposta nel comma 6. L'importo così determinato si riduce con il crescere dell'età del soggetto in ragione dello zero virgola cinque per cento per ogni anno di età a partire dall'undicesimo anno di età.
Il valore del primo punto è pari ad euro seicentosettantaquattro virgola settantotto; (1)
b) a titolo di danno biologico temporaneo, è liquidato un importo di euro trentanove virgola trentasette (1) per ogni giorno di inabilità assoluta; in caso di inabilità temporanea inferiore al cento per cento, la liquidazione avviene in misura corrispondente alla percentuale di inabilità riconosciuta per ciascun giorno.

2. Agli effetti di cui al comma 1 per danno biologico si intende la lesione temporanea o permanente all’integrità psico-fisica della persona suscettibile di accertamento medico-legale che esplica un’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla sua capacità di produrre reddito.

3. L'ammontare del danno biologico liquidato ai sensi del comma 1 può essere aumentato dal giudice in misura non superiore ad un quinto, con equo e motivato apprezzamento delle condizioni soggettive del danneggiato.

4. Con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, con il Ministro della giustizia e con il Ministro delle attività produttive, si provvede alla predisposizione di una specifica tabella delle menomazioni alla integrità psicofisica comprese tra uno e nove punti di invalidità.

5. Gli importi indicati nel comma 1 sono aggiornati annualmente con decreto del Ministro delle attività produttive, in misura corrispondente alla variazione dell'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati accertata dall'ISTAT.

6. Ai fini del calcolo dell’importo di cui al comma 1, lettera a), per un punto percentuale di invalidità pari a 1 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,0, per un punto percentuale di invalidità pari a 2 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,1, per un punto percentuale di invalidità pari a 3 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,2, per un punto percentuale di invalidità pari a 4 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,3, per un punto percentuale di invalidità pari a 5 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,5, per un punto percentuale di invalidità pari a 6 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,7, per un punto percentuale di invalidità pari a 7 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,9, per un punto percentuale di invalidità pari a 8 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 2,1, per un punto percentuale di invalidità pari a 9 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 2,3.

(1) A norma dell’art. 1 del D.M. 17 giugno 2011 (G.U. n. 147 del 27 giugno 2011), a decorrere dal mese di aprile 2011, gli importi indicati rispettivamente alle lettere a) e b) di questo comma, sono aggiornati, da ultimo, nelle seguenti misure:

- settecentocinquantanove euro e quattro centesimi per quanto riguarda l'importo relativo al valore del primo punto di invalidita', di cui alla lettera a);
- quarantaquattro euro e ventotto centesimi per quanto riguarda l'importo relativo ad ogni giorno di inabilita' assoluta, di cui alla lettera b).

Art. 139. Dlgs. 209/2005
(Danno biologico per lesioni di lieve entità)

1. Il risarcimento del danno biologico per lesioni di lieve entità, derivanti da sinistri conseguenti alla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, è effettuato secondo i criteri e le misure seguenti:
a) a titolo di danno biologico permanente, è liquidato per i postumi da lesioni pari o inferiori al nove per cento un importo crescente in misura più che proporzionale in relazione ad ogni punto percentuale di invalidità; tale importo è calcolato in base all'applicazione a ciascun punto percentuale di invalidità del relativo coefficiente secondo la correlazione esposta nel comma 6. L'importo così determinato si riduce con il crescere dell'età del soggetto in ragione dello zero virgola cinque per cento per ogni anno di età a partire dall'undicesimo anno di età.
Il valore del primo punto è pari ad euro seicentosettantaquattro virgola settantotto; (1)
b) a titolo di danno biologico temporaneo, è liquidato un importo di euro trentanove virgola trentasette (1) per ogni giorno di inabilità assoluta; in caso di inabilità temporanea inferiore al cento per cento, la liquidazione avviene in misura corrispondente alla percentuale di inabilità riconosciuta per ciascun giorno.

2. Agli effetti di cui al comma 1 per danno biologico si intende la lesione temporanea o permanente all’integrità psico-fisica della persona suscettibile di accertamento medico-legale che esplica un’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla sua capacità di produrre reddito.

3. L'ammontare del danno biologico liquidato ai sensi del comma 1 può essere aumentato dal giudice in misura non superiore ad un quinto, con equo e motivato apprezzamento delle condizioni soggettive del danneggiato.

4. Con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, con il Ministro della giustizia e con il Ministro delle attività produttive, si provvede alla predisposizione di una specifica tabella delle menomazioni alla integrità psicofisica comprese tra uno e nove punti di invalidità.

5. Gli importi indicati nel comma 1 sono aggiornati annualmente con decreto del Ministro delle attività produttive, in misura corrispondente alla variazione dell'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati accertata dall'ISTAT.

6. Ai fini del calcolo dell’importo di cui al comma 1, lettera a), per un punto percentuale di invalidità pari a 1 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,0, per un punto percentuale di invalidità pari a 2 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,1, per un punto percentuale di invalidità pari a 3 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,2, per un punto percentuale di invalidità pari a 4 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,3, per un punto percentuale di invalidità pari a 5 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,5, per un punto percentuale di invalidità pari a 6 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,7, per un punto percentuale di invalidità pari a 7 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,9, per un punto percentuale di invalidità pari a 8 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 2,1, per un punto percentuale di invalidità pari a 9 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 2,3.

(1) A norma dell’art. 1 del D.M. 17 giugno 2011 (G.U. n. 147 del 27 giugno 2011), a decorrere dal mese di aprile 2011, gli importi indicati rispettivamente alle lettere a) e b) di questo comma, sono aggiornati, da ultimo, nelle seguenti misure:

- settecentocinquantanove euro e quattro centesimi per quanto riguarda l'importo relativo al valore del primo punto di invalidita', di cui alla lettera a);
- quarantaquattro euro e ventotto centesimi per quanto riguarda l'importo relativo ad ogni giorno di inabilita' assoluta, di cui alla lettera b).

Danno Morale
(Danno biologico per lesioni di lieve entità)

Il Danno Morale deve essere riconosciuto solo in presenza di Invalidità Permanente compresa tra 1% e 9%
Inserire una percentuale compresa tra 1/5 e 1/3. Normalmente il danno morale riconosciuto equivale ad 1/3 (33%).


Danno Morale
(Danno biologico per lesioni di lieve entità)

Il Danno Morale deve essere riconosciuto solo in presenza di Invalidità Permanente compresa tra 1% e 9%
Se si desidera inserire il Danno Morale su I.P. + I.T. inserire i valori corrispondenti nei due campi.
Entrambi i valori verranno sommati nel computo totale.
Inserire una percentuale compresa tra 1/5 e 4/5. 1/5 (20%).

Spese
(Danno biologico per lesioni di lieve entità)

Le spese comprendono Spese Mediche, Spese Varie e Danni a Cose
E' possibile inserire i diversi tipi di spese identificando nel campo 'Tipo' il tipo di spesa e nel campo 'Descrizione' una breve decrizione delle stesse.

Onorari Legali
(DPR 254/2006 - Risarcimento Diretto)

Art. 9 (2): Nel caso in cui la somma offerta dall’impresa di assicurazione sia accettata dal danneggiato, sugli importi corrisposti non sono dovuti compensi per la consulenza o assistenza professionale di cui si sia avvalso il danneggiato diversa da quella medico-legale per i danni alla persona.

Negli altri casi inserire la percentuale di onorari legali (normalmente 8-10%)
Cambiare i valori di IVA e CPA se necessario.
Il sistema calcolerà gli importi al netto e al lordo di questi parametri.

Calcolo Lesioni Mobile Version

Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version Mobile Version


CalcoloLesioni.it è un servizio di Mauro D'Avino | Claims Manager | P.Iva 04573260967 | Telefono | Email | Linkedin | Termini&Condizioni | Privacy
PROGETTO SARCVALID HTMLVALID CSSPHP insideInternet ExplorerFirefoxChromeCINEMATIC CAR

Termini & Condizioni

Con l'accesso e/o la registrazione al sito web CalcoloLesioni.it e con l'accesso tramite credenziali a qualsiasi pagina dello stesso, l'utente si impegna ad accettare i seguenti Termini e Condizioni.
Il Fornitore si riserva il diritto di modificare tali termini in qualsiasi momento, previa notifica al Cliente.
Il Cliente è tenuto a consultare regolarmente tali termini: l'utilizzo del sito web e dei suoi tools, attraverso l'accesso tramite credenziali allo stesso, implica l'accettazione dei Termini e delle Condizioni.

Contenuto del sito CalcoloLesioni.it
CalcoloLesioni.it è un semplice ma potente programma per il calcolo del risarcimento del danno biologico.
Completamente gratuito offre a tutti la possibilità di calcolare facilmente il risarcimento per danni di 'Lieve Entità' (Micropermanenti), di 'Grave Entità' (Macropermanenti), 'Mortale' (Mortale)
Mediante semplice registrazione è possibile usufruire di numerose funzionalità aggiuntive, nonchè della versione mobile (Iphone o Android) del programma

Diritti
Il Sito web è proprietà di Mauro D'Avino.Tutti i diritti sono riservati. In qualsiasi momento il Fornitore potrà cedere, totalmente o parzialmente, le presenti Condizioni o qualsiasi diritto, dovere od obbligo delle presenti Condizioni a qualsiasi entità, senza il consenso previo dell'utente. Qualora l'utente non fosse d'accordo con le suddette modifiche, l'unica alternativa sarà interrompere l'accesso e l'utilizzo del sito web e dei contenuti.

Esclusione di garanzia
Sebbene il Fornitore abbia adottato tutte le misure ragionevoli affinché le informazioni contenute nel sito web siano precise, tuttavia questi non dichiara e non garantisce (compresa la responsabilità dinanzi a terze parti), in maniera espressa o implicita, la precisione, l'affidabilità o la completezza del sito web.
Nessuna parte del sito web è destinata alla concessione di alcuna licenza o diritto sull'utilizzo di nomi, loghi, immagini o marchi commerciali. Nessuna azione di download, copia o riproduzione di altro genere del sito web trasferirà all'utente la titolarità di qualsiasi software o materiale disponibile sul sito web.
Il Fornitore, quindi, non assume alcuna responsabilità sull'utilizzo o l'interpretazione delle informazioni contenute nel medesimo. L'utente utilizza il sito web "nello stato in cui si trova" e "in base alla disponibilità", a proprio esclusivo rischio, senza garanzie di alcun genere, espresse o implicite, comprese, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, garanzie implicite e termini e condizioni di commerciabilità o idoneità per un particolare scopo e non violazione dei diritti di terze parti.
In particolare, il Fornitore non assume alcuna responsabilità e non garantisce che il sito web e i servizi del medesimo soddisfino i requisiti dell'utente, che i servizi e le funzionalità del sito web si mantengano ininterrotti, siano sicuri o esenti da ritardi o errori, che i risultati derivanti dall'utilizzo del sito web e dei servizi del medesimo siano precisi o affidabili e che eventuali difetti vengano corretti.
Il fornitore non sarà responsabile, direttamente o indirettamente, di danni o perdite causati, presumibilmente causati o relativi all'utilizzo o all'esecuzione di qualsiasi contenuto, prodotto o altro materiale disponibile sul sito web.

Privacy e sicurezza
In merito alla raccolta e al trattamento dei dati personali, il Fornitore è soggetto alle leggi italiane sulla protezione dei dati personali. Per informazioni, consultare la Politica sulla privacy sul sito web.

Controversie
Per ogni e qualsiasi controversia che dovesse insorgere tra le parti in relazione alla validità, interpretazione, esecuzione, inadempimento, recesso e risoluzione dei presenti Termini e Condizioni, nonché ai diritti ed obblighi derivanti dallo stesso, o comunque connessi e/o derivanti da eventuali suoi allegati o connessi a questi, competente in via esclusiva sarà il Foro di Milano..

Informativa sulla Privacy

Si rende noto che i dati personali acquisiti tramite form online potranno subire i trattamenti elencati nell'art. 13 del codice sulla privacy (D.Lgs 196 del 30/06/2003).
La citata legge definisce come trattamento le attività di raccolta,registrazione,organizzazione,conservazione,elaborazione,modifica,selezione, estrazione,raffronto,utilizzo,interconnessione,blocco comunicazione, diffusione, cancellazione e distruzione dei dati personali.
Tali trattamenti saranno eseguiti esclusivamente nel rispetto degli adempimenti previsti dalla normativa.
E' sempre possibile verificare lo stato dei propri dati, chiedendone la modifica o la cancellazione inviando una email ad info@calcololesioni.it